Cronaca della riunione di venerdì 10 marzo 2023 (ventesima dell’anno rotariano)

    148

    RISTORANTE CUCINA ALDIGHIERI – CENA CONVIVIALE APERTA A CONSORTI E OSPITI.

    Paolo Bricco, giornalista de “Il Sole 24 Ore”, ci ha fatto trascorrere una serata brillante ed interessante. Ha colpito nel segno con il suo ultimo lavoro, stimolando nei presenti il desiderio di leggere il libro su Adriano Olivetti, frutto di 10 anni di ricerca d’archivio.

    Adriano Olivetti è un mito dell’industria, della creatività e della cultura italiana nel mondo. Bricco racconta nel suo libro la storia dell’uomo contestualizzando la situazione politica e culturale dell’Italia tra la fine dell’Ottocento e il boom economico. Olivetti crede nell’uomo, nella giustizia e nella possibilità di elevazione e di riscatto. Crede anche di poter realizzare un modo utopico attraverso condizioni di lavoro per i dipendenti tuttora senza paragoni, una ricerca di bellezza in ambito meccanico e di design. Bricco evidenzia però come un grande imprenditore riveli anche lati oscuri o quantomeno offuscati: il rapporto umano con i familiari e le due mogli, l’ossessione per l’astrologia, il tormentato rapporto con il fascismo. La passione per l’organizzazione scientifica del lavoro ma anche i rapporti con i servizi segreti inglesi e americani e la perpetua tentazione del demone della politica, con il fallimento della trasformazione del Movimento di Comunità in un partito tradizionale. L’identità dell’industriale che intuisce le nuove frontiere tecnologiche senza però riuscire a superare il limite del capitalismo familiare. sotto, come una radiazione di fondo, quella strana joie de vivre che caratterizz ala vita di Adriano e di quanti saranno con lui e intorno a lui.

    SOCI PRESENTI 13+3 PERCENTUALE 22,22%