Cronaca della riunione di giovedì 4 marzo 2021 ore 19,00 (ventunesima dell’anno rotariano)

    1102

    PIATTAFORMA ZOOM – “Dica 33: visitiamo assieme un dipinto”

    Il relatore di questa sera, il socio Paolo Zamboni, Direttore del Centro malattie vascolari di Unife, ci ha piacevolmente intrattenuto a proposito delle possibili patologie nascoste, e neanche troppo, in alcuni quadri famosi. Di questa passione, nata molti anni fa quando era docente negli USA, ne ha fatto un libro (“NASCOSTE NELLA TELA”) che sarà pubblicato da Mondadori alla fine dell’anno.

    Ricordando da dove eravamo partiti lo scorso maggio quando, osservando il quadro di Rembrandt “Betsabea con la lettera di David” siamo arrivati a diagnosticare le possibili cause di una macchia sotto al seno a non più di 3 mm di profondità, così oggi Zamboni ci ha proposto altri quadri famosi. “La fornarina” di Raffaello, che rappresenta Margherita Liuti, 20enne figlia di un fornaio e innamorata del pittore, che qualcuno aveva ipotizzato come affetta da tumore al seno, patologia che il nostro socio esclude, poiché la mano sul seno sta solo a rappresentare il cuore, con l’indice che è puntato verso il nome Raffaello.

    La riunione è stata molto interattiva. Abbiamo così esaminato “La Gioconda” di Leonardo: tante le ipotesi le ipotesi mediche su questo famosissimo quadro. Forse aveva problemi alla tiroide (o forse aveva il pomo di Adamo, secondo chi sostiene fosse un uomo!), forse aveva problemi di colesterolo, ma certamente il rigonfiamento alla mano destra tra pollice e indice che ci ha fatto notare Zamboni sta ad indicare una cisti tendinea. Si può pensare fosse dovuta al prolungato uso della mano per il lavoro al tombolo (molto diffuso tra le donne del tempo), e se così non fosse si può far ricondurre comunque ad un lipoma benigno ben incapsulato. Zamboni è passato poi ad esaminare alcuni quadri di Caravaggio, in particolare ha confrontato “il Bacchino” (vedi foto), dove il colore della pelle, le labbra, e gli occhi indicano sicuramente una persona anemica, forse ripiegata per dolori addominali, con l’immagine del “Bacco” dipinta negli stessi anni a Roma, dove la persona raffigurata gode sicuramente di buona salute. Il particolare delle unghie e il colore della pelle del Bacchino sembrano poter inquadrare una persona affetta da malattia di Addison, una patologia che secoli dopo venne diagnosticata anche a John Kennedy. Nella “scuola di Atene” di Raffaello si nota in primo piano la figura di Eraclito, raffigurato con il volto di Michelangelo. Questo grande artista indossava sempre dei buffi stivaloni, che non si toglieva mai, probabilmente a causa delle varici sul ginocchio e ulcere alla caviglia dovute a insufficienza venosa, patologia per la quale l’unica soluzione, ai quei tempi, era contenere la gamba affetta da questa patologia con stivali fatti su misura che dovevano comprimere l’arto.

    La riunione è terminata con la promessa da parte di Zamboni di continuare il discorso appena il suo libro sarà pubblicato e potrà presentarlo ai soci.

    SOCI PRESENTI 13+1   PERCENTUALE 21,21%