Cronaca della riunione di giovedì 22 ottobre 2020 ore 19,00 piattaforma ZOOM (nona dell’anno rotariano)

    110

    Nell’ambito delle celebrazioni per la Giornata Internazionale della lotta alla Polio, si è svolta, sulla piattaforma zoom, la riunione di interclub dell’Area Estense, relatore il prof. Carlo Còntini che, con grandi capacità di divulgazione, ha raccontato la storia della poliomielite e l’evoluzione della lotta contro questa terribile malattia.

    Nel 1916 si verificarono oltre 27.000 nuovi casi di questa malattia solo negli USA, una pandemia che dapprima colpì i bambini e poi si allargò a tutta la popolazione, seminando morte, paralisi degli arti e invalidità permanenti. La vita mutò profondamente e i genitori non mandavano più a scuola i bambini e permettevano ai figli di giocare solo con una ristrettissima cerchia di amici. Dopo la fine della seconda guerra mondiale si scoprirono i primi vaccini, i più famosi dei quali furono il Salk e il Sabin, dal nome dei loro scopritori. Dal 1960 inizia la vaccinazione di massa (In Italia dal 1965) e grazie a questi vaccini  nel 1979 si è verificato l’ultimo caso americano di polio.

    Nel 1985 parte il progetto POLIO PLUS del Rotary grazie a due rotariani italiani, a cui si affiancano anche altri donatori, tra cui la Fondazione Bill e Melinda Gates. Grazie ai tanti medici rotariani che girano il mondo, a volte anche rischiando la propria vita, oggi la poliomielite è presente soltanto in alcune zone di Pakistan e Afghanistan dove motivazioni di tipo politico e religioso non permettono di portare la vaccinazione a tutti i bambini e all’intera popolazione.

    Per ricordare a tutti che manca poco a debellare questa malattia, i Rotary Club di area estense hanno organizzato la proiezione del logo END POLIO NOW sul lato est del Castello Estense nelle giornate di venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 ottobre prossimi.  Anche il consorzio VISIT FERRARA ha voluto contribuire all’iniziativa con una donazione di 500€, che i Rotary Club hanno deciso di devolvere interamente al fondo internazionale del Rotary per la lotta alla poliomielite.

    La relazione del prof. Còntini, corredata di foto e documenti, alcuni dei quali particolarmente toccanti,  ha dato anche atto del ruolo fondamentale dato dal RI in questa battaglia, ruolo che non può che rendere ogni rotariano orgoglioso di appartenere a questa famiglia di 1,2 milioni di soci nel mondo, che contribuiscono a migliorare la vita dei propri simili nel pianeta.

    Non sono mancati gli spunti di riflessione e i termini di paragone tra i timori degli anni venti e  quanto stiamo vivendo in questi mesi, a causa di un terribile virus che sta profondamente cambiando le nostre abitudini e miete vite ogni giorno. Confidiamo, tuttavia, che l’umanità, unita come mai prima d’ora nello sforzo comune, giunga presto ad individuare un vaccino, auspicando che, come fece Sabin, nessuno voglia brevettarlo e sia distribuito a tutti senza speculazioni ed egoismi.

    Chi fosse interessato può richiedere alla segreteria del Club le slides del prof. Contini.

    SOCI DEL CLUB PRESENTI 14+4 PERCENTUALE 26,47%