Cronaca della riunione di giovedì 16 marzo 2023 (ventunesima dell’anno rotariano)

    171

    CAMINETTO CON APERICENA APERTO A CONSORTI E OSPITI PRESSO IL RISTORANTE “CUCINA ALDIGHIERI”

    Il tema proposto dall’amico Roberto Manfredini riguardava sonno, sogni e creatività, affrontato con competenza ma anche con la dovuta semplicità che è necessaria per far comprendere anche a chi non è del mestiere le implicazioni più complesse che il dormire o la deprivazione di questo possono portare. Siamo passati dall’analisi della deprivazione del sonno, utilizzato ancora oggi come vera e propria forma di tortura, alle patologie legate al dormire poco e/o male e alle conseguenze sulla qualità della vita che questo comporta, che sfociano a volte in vere e proprie patologie.

    Analizzando l’attività cerebrale e neuronale durante le ore di sonno si è potuto studiare, ha detto Manfredini, come il susseguirsi di almeno tre fasi complete delle cinque del sonno (fase I e II non ristorative,  poi fasi III, IV e REM) siano necessarie per una buona ripresa fisica dopo una giornata, ma poi la quantità di sonno che ognuno di noi avverte come necessaria per star bene risulta essere una variabile assolutamente soggettiva.

    Manfredini ha descritto casi di persone che durante il sonno riescono a elaborare opere d’arte o risolvere problemi complessi, ci ha parlato dello studio scientifico dei sogni, che avvengono per tutti solo durante la fase REM del sonno ma di come alcune persone non ne ricordino nulla.

    Molte domande, a volte anche legate all’esperienza personale, sono state rivolte dai presenti, alle quali il Prof. ha risposto in modo esauriente.

    SOCI PRESENTI 28 – PERCENTUALE 38,36%